All’ Officina: Sapori locali e Forme d’Arte

Officina

Era da tanto che volevo provare l’ Officina. Mi trovavo il loro menù spesso sotto gli occhi e mi pareva succulento. E gli ingredienti utilizzati anche adatti ad una papabile recensione sul blog: tanti infatti i prodotti locali e della tradizione, proposti però in chiave moderna e gourmet. Copio ed incollo la sintetica presentazione dell’ Officicna su Tripadvisor:

“Utilizzando materie prime a km zero proponiamo piatti semplici e pregiati, per promuovere il recupero della tradizione agro alimentare del nostro territorio […] Le materie prime sono di alta qualità, selezionate in anni di esperienza nel settore dei prodotti tipici e territoriali”.
Sulla loro carta infatti si legge di prosciutto Bazzone, di tordelli, di farina di farro, di pecorino, di lardo arselle, baccalà, erbe di montagna…e ditemi: non fa molto Versilia in Pentola?

La prima Volta all’ Officina:

Era maggio, era venerdì, era la sera del mio compleanno e volevo andare a cena fuori. Spippolavo per la prima volta l’applicazione The Fork e mi son decisa a prenotare proprio qui. Anche perché era previsto un temporale e dovevo muovermi a piedi: l’Officina dista solo 10 minuti da casa mia, quindi scelta perfetta! E perfetta da tutti i punti di vista, perché sono stata benissimo ed è stato amore a prima vista. Veramente una perla che si distingue da tutti i ristoranti del centro di Pietrasanta.

La Location dell’ Officina:

Peccato che resti un po’ nascosta in una corte al perimetro del centro storico perché anche la location dell’ Officina vale molto come la sua cucina. E’ un locale elegante, fatto di chiaro-scuri, di legno e ferro. Il piano terra è un lounge-bar composto da poltrone e divani fatti coi pallet e rivestiti di cuscini, dove spesso hanno luogo vernissage e concerti. Il primo piano è soppalcato ed il soffitto con le travi a vista è bellissimo e rustico. Tutto è preciso, ordinato e con molti piccoli dettagli di classe. Fuori c’è un cortile dove si può mangiare all’aperto con la bella stagione, abbellito con vase e piante molto curate.

Officina

Officina

 

 

 

 

 

 

Officina

Officina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno Staff che ti coccola

L’accoglienza è calorosa e cortese, come del resto il servizio: presente ma non invadente, preciso ed attento. L’atmosfera è formale, ma non esageratamente: lo staff è stato amichevole nei miei confronti, restando comunque professionale. Mi hanno letteralmente coccolata, anche perché avendo prenotato sul presto ero l’unica cliente al momento, gli altri clienti hanno cominciato ad apparire dalle 21 in poi.

I primi Piatti provati:

Tutto molto bello insomma, ma il fiore all’occhiello è senz’altro la cucina, che stupisce sia il palato che gli occhi: piatti gourmet bellissimi, decorati nei minimi dettagli, in cui si accostano prodotti locali a Km 0 con una fusione di ingredienti innovativi. Un risultato più che ottimo, ed il tutto è fatto in casa, dalla pasta, ai gelati. Come prima volta sono rimasta sul classico, non ho osato molto. Ho ordinato i tordelli versiliesi ed un filetto di maiale.

Officina

Dopo avermi portato acqua ed un bicchiere di rosso offerto dalla receptionist Valentina, la preparatissima cameriera Sara mi porta il pane fatto in casa e successivamente l’entrée della serata: una polpettina di carne con maionese agli agrumi. Che bellina! Mi riporta ai miei amati finger-food di alto livello che facevo a lavoro.

Officina
Si continua coi tordelli: piatto rustico ed ignorante, l’impiattamento non concede tanta verve. Ma la qualità sì: ottima la pasta, buono il ripieno e sugo a regola d’arte, da tradizione poi: coi funghi e grani di pepe nero e ginepro, come da ricetta originale del 1800.

Officina
E’ riduttivo aver chiamato semplicemente filetto di maiale il secondo, mea culpa. Perché il filetto era avvolto in lardo di Colonnata così da risultare così tenerissimo, servito nel suo fondo. Accompagnato da carciofi e scalogni arrosto e decorato da una fogliona di salvia fritta. Squisito.

Officina

Vietato non ordinare il dessert!

Il dessert era una piccola opera d’arte: bellissimo e buonissimo, un mix bilanciato di contrasti di gusto e consistenze. Una pera cotta all’anice, servita con salsa allo zafferano. Collocata su un biscotto al cioccolato, era accompagnata da una pallina di gelato al gorgonzola dolce, frutti di bosco ed una cialda all’arancia e rosmarino. A dir poco sublime.

Officina
E tutti questi piatti del bravissimo chef Johnny ad un prezzo davvero conveniente, anche grazie allo sconto di The Fork : 30€ in tutto. Davvero un’affarone. Talmente buono che non mi sono attardata a ritornare ancora. Ed ancora. Ormai vado all’Officina una volta al mese in media. E’ diventata una gustosa tradizione. Senza mai spendere più di 40€ per 3 portate, col 20% o 30% di sconto The Fork 

Gli altri Piatti assaggiati:

Negli ultimi mesi di bella stagione in sostanza ho provato quasi tutti i piatti del menù estivo! Ed il livello non è mai sceso, sia nella cucina, sia nel servizio che nell’accoglienza. Mai un errore, mai un’attesa, mai una scortesia. Sottolineo però che sono andata sempre sul presto e sempre da sola.

Le Entrées

Ed i piatti hanno sempre continuato ad essere belli e curati fino al dettaglio, a cominciare dall’amouse-bouches, che non sono mai scontate. Ma sempre di qualità, buone e belle. Sono una perfetta anteprima di quello che andremo poi a mangiare con l’ordine vero e proprio, sia per quanto riguarda l’occhio, che il palato.

Officina
Bigné salato ripieno di Paté di Fegato con Glassa alla Fonduta
Officina
Carpaccio di Manzo con Salsa tonnata Rivisitata

 

 

 

 

 

 

Officina
Bacio di Dama salato con Crema di Ricotta e Mandorle

Gli Antipasti

Poche volte ho ordinato l’antipasto, ma quando l’ho fatto sono sempre stati un piacere per la vista. Anche per il gusto ovviamente, ma sono talmente decorati ad arte che dispiace quasi distruggerli con un colpo di forchetta. Ma appena si assaggiano il dispiacere passa subito!

Officina
Pappa al Pomodoro con Crema di Burrata, Baccalà nordico e Scaglie di Cioccolato Fondente
Officina
Tartare di Cobia , Gelato all’Avocado, Polvere di Olio e Uova di Salmone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Primi Piatti

I primi piatti sono quelli che raramente non mi faccio mancare: la loro pasta fatta in casa è davvero molto buona e gli ingredienti davvero nobili. Di tutti i piatti assaggiati i ravioli all’astice sono gli unici ad aver esser stati al di sotto delle aspettative, ma gli altri ve li consiglio tutti, specialmente Il Carbonaro .

Officina
Cappellaccio liquido al Pecorino, Scampo Crudo su vellutata di Fagioli cannellini al Lardo
Officina
Raviolo di Bufala e Astice su Passata di Pomodoro infornato alle Spezie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Officina
Il Carbonaro: tagliatelle al farro, prosciutto Bazzone 40 mesi essiccato e crema d’uovo al pecorino

I Secondi

Mi dovrei rifare invece sui loro secondi, perché ne ho ordinati ben pochi. Oltre al filetto di maiale ho assaggiato la guancia di maiale cotta sottovuoto per 16 ore a bassa temperatura. La carne è burro, tenerissima, si sfilaccia che è un piacere. Il fondo ritirato benissimo. Ogni bocconcino è posizionato su un piccolo flan di carote speziato : adoro le spezie quindi ho apprezzato molto questa morbida base. La carne poi è decorata da petali di patate.

Officina

I Dessert

Vi sconsiglio di saltare i dessert, che sono delle piccole opere d’arte e di gusto. Una volta vorrei andare all’Officina e cenare solamente a dessert!

Officina
Guazzetto ai Frutti Rossi e Tre Sorbetti al Gusto di Fragolina di Bosco, Mela Verde e Bergamotto
Officina
Panna Cotta alla Vaniglia con Cuore di Lamponi su Base di Bisquit con salsa di Mango e Passion Fruit

 

 

 

 

 

 

 

Officina
Mordi Croccante all’Arancio, Sorbetto al Mango e Crema Pasticcera allo Zenzero

 

Prima che finisca settembre un’altra cena è d’obbligo! E poi cominceremo ad assaggiare i piatti del nuovo menù: all’Officina gli ingredienti seguono il ciclo stagionale, quindi presto la carta diventerà autunnale! E non vedo l’ora, perché i miei lettori conoscono bene la mia passione per questa stagione e dei prodotti che ci dona. Sono sicura che i nuovi piatti dell’Officina mi sorprenderanno: fatevi sorprendere anche voi!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.