San Giuseppe: le Frittelle di Riso Versiliesi e Lucchesi

Frittelle di Riso

San Giuseppe, auguri a tutti i babbi, ai Giuseppe, alle Giuseppine ed ai falegnami! E che festa è senza le frittelle di riso di San Giuseppe? Ammetto di avere tripolato a trovare una ricetta collaudata da conoscenti. A casa mia non si mangiano, quindi non ho trovato la ricetta nei vari ricettari di mamma. Le faceva la mia Zì Anna, ma ahimè, non c’è più…

Di ricette ne ho due: una nel libro “La Cucina di Lucchesia e Versilia“, e l’altra di di Mariù Salvatori de Zuliani  e la sua ricetta che si trova su “La Cucina di Versilia e Garfagnana”. La prima è la tipica frittella di riso lucchese e non mi ha esaltato (ma non posso dirmi fan dei dolci fritti), però viene bene , quindi ve la illustro. L’altra è la frittella di riso tipica versiliese: meno bella a vedersi, ma più buona, e poi tutta nostra! Io ve le riporto entrambe!

Frittelle di Riso

Frittelle di Riso Lucchesi

frittelle di riso300 gr di riso
1 Litro di latte
2 uova
la scorza grattugiata di 1 limone e di 1 arancia
1 pizzico di sale
Farina bianca qb
Zucchero Semolato
Olio o strutto per friggere

Frittelle di Riso

Prentete una pentola ed un pentolino. Dividevi il mezzo litro di latte e portate ambedue a bollore. Togliete il pentolino di latte bollente dal fuoco, mentre abbassate il fuoco della pentola. Aggiungetevi un pizzico di sale e tutto il riso. Fatelo cuocere mescolando spesso e versando poco alla volta l’altro latte del pentolino, proprio come si fa per cuocere un risotto normale. Il riso è pronto quando il chicco è bello gonfio ed il latte assorbito. Toglietelo quindi dal fuoco e lasciatelo raffreddare.

Una volta tiepido o freddo, aggiungete al riso le uova, le scorze degli agrumi e la farina, quanto basta per legare il composto (non se serve poi molta). Usate la farina di riso per una frittella senza glutine, adatta quindi anche a chi soffre del morbo celiaco. Amalgamate il tutto in modo omogeneo.

Quindi ungetevi le mani e formate delle palline della grandezza di una noce. Friggetele nell’olio caldo o nello strutto sciolto e ben caldo. Attenzione a non farle colorire troppo! Spolverizzate le frittelle di riso di San Giuseppe di zucchero semolato e servitele calde. Ma anche fredde non sono male!
Che buon pro vi facciano!

Frittelle di Riso

Frittelle di Riso

Frittelle di Riso Versiliesi

frittelle di riso 100 gr di riso
500 ml di latte
3 uova
La scorza di 1 limone
50 gr di farina bianca o di riso
Una noce di burro
Un bicchierino di rum
Un pizzico di sale
1 cucchiaio di zucchero + zucchero per la copertura
Olio per friggere o strutto

Mettere sul fuoco una pentola con 500 ml di latte. Non appena arriva a bollore aggiungete il riso ed il pizzico di sale. Il riso è pronto quando il latte si è assorbito ed il chicco è ben cotto e ben imbibito di latte: ci vorranno circa 20 minuti. Poco prima del termine della cottura aggiungete anche il burro, 1 cucchiaio di zucchero e la scorza grattugiata del limone. Togliere dal fuoco e fate raffreddare. Una volta che il composto si è raffreddato, unite i 3 tuorli d’uovo, il rum e la farina. Per delle frittelle di San Giuseppe ideali anche per celiaci utilizzate della farina di riso invece che di grano. Mescolate bene il tutto, coprire l’impasto e fate riposare in frigo alcune ore. Vi consiglio di preparare il composto delle frittelle la sera prima del giorno in cui volete friggerle.

Riprendete il composto delle frittelle di riso: di solito questo viene più morbido della prima versione. Se potete ungetevi le mani e formate delle palline della grandezza di una noce, ma se il composto è troppo morbido, aiutatevi con un cucchiaio e gettatele le palline  direttamente a friggere nell’olio caldo o nello strutto sciolto e ben caldo. Attenzione a non farle colorire troppo! Spolverizzate le frittelle di riso di San Giuseppe di zucchero semolato e servitele calde. Ma anche fredde non sono male!
Che buon pro vi facciano!

 

Se siete interessati all’acquisto dei libri sulla cucina versiliese, li trovate comodamente su Amazon!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.