Fungoburger : il panino al sapor del bosco

Fungoburger

Che lunghe giornate umide e piovose! Ma sarà spuntato qualche funghetto almeno? Non appena il meteo si rimette in sesto torno nel mio bosco a controllare la situazione. La scorsa settimana il terreno era sempre secco e polveroso. Il bottino è stato magro: due mazze di tamburo, pure piccoline…Ma meglio che niente! Anche con una raccolta striminzita però si può creare qualcosa di sfizioso: che ne dite di questo Fungoburger?

Fungoburger

Il Fungoburger

Il fungoburger consiste in un semplice hamburger, ma più saporito ed aromatico, in quanto il panino al latte è sostituito da due croccanti cappelle di fungo fritte in doppia panatura con in mezzo la farcitura che più gradite. Io ho utilizzato un burger di pollo con foglie di pak-choi rosso, pomodoro fresco e senape al miele, ma voi potete utilizzare tutti gli ingredienti che più vi sconfifferano. E’ una preparazione molto semplice e si cucina in breve tempo.

Fungoburger

Macrolepiota Procera

In passato ho trattato tanto di questo fungo perché buono, facile da trovare e molto riconoscibile. E’  molto versatile in cucina: ecco una semplice scheda dedicata alla mazza di tamburo (o macrolepiota procera) ed alcune ricette ad essa dedicate. Perché di buono, nei nostri boschi, non esiste solo il porcino!

Burro Aromatizzato alla Mazza di Tamburo

Fungoburger
Dosi per 1 panino

2 cappelle di Mazza di Tamburo
3 uova
Pangrattato
Olio per friggere
Hamburger
Farcitura per panino (insalata, formaggio, pomodoro, bacon, cipolla, salse varie…)
Sale e pepe

Fungoburger

Preparazione:

Togliete il gambo dalla cappella della mazza di tamburo e con un pennellino togliete gli eventuali residui di terriccio dalla sua superficie. Non lavate mai i funghi o perderanno l’aroma! Sbattete le uova con sale e pepe in una ciotola che possa raccogliere tutta la cappella del fungo, senza romperla. Immergetevi il fungo uniformemente. Passatelo poi nel pangrattato e ripetete l’operazione per ottenere una croccantissima doppia panatura.

Scaldate la friggitrice (o l’olio nella padella) e friggete le cappelle di fungo panate fino a che non saranno dorate. Scolatele su un foglio di carta assorbente. Nel frattempo scaldate anche la griglia o la piastra e cuocetevi gli hamburger. A questo punto potete montare il fungoburger: mettete una cappella di mazza di tamburo fritta come base del “panino”. Posizionate una manciatina di insalata, il pomodoro, l’hamburger bello caldo, il formaggio, il bacon, la cipolla e tutti gli ingredienti che preferite. Concludete con la seconda cappella fritta, servite con un contorno a piacere (come delle patate fritte).

In una decina di minuti ecco pronto il fungoburger: un piatto veloce, saporito, particolare e d’effetto. Gli ingredienti che ho usato io sono piuttosto semplici, si possono usare differenti tipi di carne e di fungo. Con una svizzera di chianina o di angus e cappelle di porcino fritte o grigliate al posto del pane, avrete un fungoburger di altissima qualità, col quale farete un figurone!

Che buon pro vi faccia!

Fungoburger

 

Imparate a riconoscere i funghi, fortunatamente le nostre fruttuose Apuane ce ne regalano di molti tipi! Le mazze di tamburo poi sono facilissime da scovare e da identificare. Su Amazon trovate tanti guide e manuali!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.