Risotto alle Mazze di Tamburo

Risotto alle Mazze di Tamburo

Dopo il piatto elaborato per il periodo festivo dello scorso articolo, ritorno a ricette che rispecchiano la semplicità di tutti i giorni, ma con gusto. Prima che mi chiamassero per il ricovero avevo trovato per l’ennesima volta un sacco di mazze di tamburo durante un giro per i boschi. Ho dovuto cuocerle alla svelta o non sarebbero arrivate fino alle dimissioni. Quindi le ho preparate e congelate. E’ arrivato il tempo di scongelarle e papparsele! Che ne dite in un bel risottino? Ed allora che Risotto alle Mazze di Tamburo sia!

Risotto alle Mazze di Tamburo

Mazza di Tamburo: Gusto e Versatilità

La crescita delle mazze di tamburo è andata alla grande nel mio bosco quest’anno. Con la siccità che ha fatto nei mesi estivi, non avrei mai sperato di vedere dei funghi commestibili quest’anno! Non saranno stati porcini, ma anche le mazze di tamburo non sono affatto male. Come ho già accennato in passato, di solito viene consigliato di cibarsene cotte alle perfezione (da crude sono tossiche) , alla piastra o fritte. Ma sono tantissime le ricette fruibili con le mazze di tamburo! Si può sicuramente osare con creatività e fantasia. Già un mese fa vi avevo presentato il burro aromatizzato alla mazza di tamburo ed il cordon bleu di mazza di tamburo. La notevole quantità ritrovata mi permette di presentarvi altri ricette a base di questi funghi bellissimi…sperando che buon pro vi faccia!

Il Risotto alle Mazze di Tamburo

Il risotto coi funghi ormai è un classico della cucina italiana. Per tradizione si utilizzano i porcini freschi o secchi che lo caratterizzano per il suo inconfondibile aroma. La mazza di tamburo ha un sapore diverso, meno inebriante ma altrettanto buono, dolce, dal sentore di nocciola. Se il vostro palato si lascia volentieri andare a sapori che si discostano leggermente dalla tradizione questo risotto alla mazza di tamburo non vi farà rimpiangere la versione più ricercata col porcino.

Risotto alle Mazze di Tamburo
Ingredienti per 1 porzione

100 gr di riso carnaroli
200 gr circa di mazze di tamburo
Mezzo bicchiere di vino bianco
Nepitella
1 scalogno
1 noce di burro
3 cucchiai di olio
Una manciata di parmigiano grattugiato
600 ml circa di brodo vegetale
sale e pepe

Risotto alle Mazze di Tamburo

Per prima cosa bisogna mondare le mazze di tamburo: rimuovete i gambi e con un panno umido eliminare eventuali tracce di terra dal cappello. Tagliare questi ultimi a fette. Tritare quindi lo scalogno, portate a bollore il brodo e tutto è pronto per cominciare la preparazione del Risotto alle Mazze di Tamburo.

Preparazione del Risotto alle Mazze di Tamburo

Scaldate l’olio in un tegame a bordi alti e fatevi rosolare lo scalogno tritato con un rametto di nepitella. Non appena diventa translucido, aggiungete le mazze di tamburo, mescolate. Salate, pepate se gradite, e fate cuocere per circa 10 minuti. Rimuovete lo stelo del rametto di nepitella: a questo punto le foglioline si saranno staccate.
Aggiungete il riso, mescolate e fatelo tostare. Non appena sfrigola sfumate con il vino bianco. Una volta evaporato ricoprite di brodo bollente e mescolate. Aggiungete sempre un mestolo o due non appena si asciuga, continuando sempre a girare il tutto dolcemente. Fino a fine cottura del Risotto alle Mazze di Tamburo, che sarà di circa 20 minuti. Aggiustate di sale se necessario.

Arrivati a questo punto aggiungete il burro, il parmigiano, mescolate velocemente strattonando la pentola avanti ed indietro, per mantecare. Decorate a piacimento: io ho messo ciuffetti di nepitella fresca ed una spolverata di cipolla gialla fritta rostad lök: quella dell’ Ikea per intenderci. Non amo usare prodotti confezionati, ma questa la dovevo finire! Servite il Risotto alle Mazze di Tamburo e….

…che buon pro vi faccia!

Risotto alle Mazze di Tamburo

Sempre sempre sempre essere sicuri di conoscere un fungo prima di raccoglierlo!

 

One thought on “Risotto alle Mazze di Tamburo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.