Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

Vi vedo che siete tutti lì a spadellare per il menù di Pasqua! Forse arrivo tardi, ma vi propongo un’idea semplice e d’effetto per l’antipasto in questi giorni di festa. Primaverile, pasquale, composto da ingredienti poveri, l’ Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici farà fare un figurone non solo per l’estetica, ma anche per il sapore: l’asparagio selvatico si sposa molto bene sia con l’uovo, che con il pecorino. Dato che quest’anno il periodo degli asparagi combacia con quello pasquale, è un’ottima opzione servire questa prelibata verdura nel menù di festa. Beh, sempre se riuscite a trovarne. Io ne avevo un po’ avanzati dalla Pizza con Rigatino, Asparagi Selvatici e Pecorino.

Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

Un piccolo mazzetto di asapargi selvatici, 60-80 gr
1 uovo per commensale
20 gr circa di pecorino intero
Un mestolo di brodo vegetale
Aceto o vino bianco
Olio, sale, pepe qb
Fiori di rosmarino

Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

Il Passato di Asparagi Selvatici:

Lessate gli asparagi selvatici in acqua bollente salata. Fate cuocere per circa 7 minuti, poi scolateli. Metteteli nel frullatore, aggiungete un mestolo di brodo, un filo d’olio, sale e pepe. Azionate il mixer fino a che il tutto si riduce in un passato di asparagi selvatici di un bel verde vivace. Se lo ritenete necessario passatelo in un colino a maglie fitte.  Assaggiatelo e regolatelo di sale. Tenetelo in caldo.

La Cialda al Parmigiano:

Grattugiate di fresco del pecorino : ne bastano un paio di cucchiai abbondanti. Fate scaldare un padellino antiaderente sul fuoco e, quando è bello caldo, versatevi il pecorino grattugiato, facendolo aderire ben bene al fondo della padella, pressandolo con una spatola. Entro pochi minuti il formaggio si sarà fuso, creando così la cialdina. Non usate il mix di formaggi già pronti o bustine di prodotti scadenti o vi verrà un paciugo.

Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

L’Uovo Poché:

Per l’uovo poché serve una pentola piena di acqua in cui avrete aggiunto dell’aceto o del vino bianco. Portate l’acqua a bollore, abbassate la fiamma e con una frusta create un vortice nell’acqua calda. Spaccate l’uovo in un piattino e, mentre fate il vortice , versate nell’acqua l’uovo, togliendo subito la frusta. Bastano pochi secondi di cottura, quindi scolate l’uovo poché dall’acqua con un mestolo forato e fatelo asciugare su della carta assorbente. Se non lo avete mai cucinato prima vi consiglio di fare prima qualche prova: è una ricetta abbastanza facile, ma bisogna crearsi un po’ di manualità affinché l’uovo risulti un tuorlo cremoso avvolto dal suo albume coagulato.

Impiattare l’ Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici:

Prendete una fondina da antipasto, posizionatevi al centro un mestolo di passata di asparagi selvatici tenuta in caldo. Posizionatevi al centro l’uovo poché, salatelo e pepatelo. Aggiungete un filo d’olio, qualche fiorellino di rosmarino e la cialda al pecorino a pezzetti.
Io ho decorato ulteriormente con uno scalogno diviso a metà e poi arrostito, condito con dell’aceto balsamico. Ma proprio perché mi avanzava ed ho voluto fare un’aggiunta anti-spreco, non è necessaria per la riuscita del piatto.

Il tuorlo liquido che si andrà a mescolare col passato intenso di asparagi selvatici, con le note croccanti e saporite della cialda di pecorino andrà a formare un connubio di sicuro successo per il palato vostro e degli ospiti.

Che buon pro vi faccia!

Uovo Poché su Passato di Asparagi Selvatici

 

L’uovo in camicia proprio non vi viene? Non vi preoccupate, Amazon da sempre una mano!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.